Avvocato Francesco Biagini | Studio Legale Diritto Civile
Avvocato Bologna Avvocato Bologna Studio legale Bologna Studio Legale Modena Avvocato separazione Avvocato divorzio Avvocato affidamento figli Coppie di fatto Testamento e successione Interdizione - Amministrazione di sostegno Avvocato sfratto Recupero crediti Adozione Infortunistica medica Infortunistica stradale Cittadinanza Avvocato Bologna Avvocato Modena Pareri legali online News
Avvocato Bologna | Studio Legale Bologna

AVVOCATO FRANCESCO BIAGINI

Via Matteotti 17 - 40053 Loc. Bazzano, Comune Valsamoggia (BO)
Via Olindo Guerrini 2, angolo via A. Costa 91 - 40134 Bologna (BO)
Tel. (+39) 051 832684 • Fax (+39) 051 830650
Si riceve a Bazzano e Bologna
Per fissare un appuntamento contattare i recapiti indicati o scrivere una mail a info@avvocatobiagini.it
Qualora la complessità della pratica richiedesse la collaborazione di più Professionisti, si precisa che attraverso la sede di Bologna la Clientela potrà ricevere, oltre all'assistenza dell'Avv. Francesco Biagini, quella di un Notaio, un Commercialista, un Ingegnere Edile, un Architetto e un Medico Legale.
Separarsi non è mai stato così facile. Quindi (non) fatelo - Studio legale Bologna Modena
Studio Legale Diritto Civile
News
SEPARAZIONE CONIUGALE E RICHIESTA DI INDENNIZZO PER RISTRUTTURAZIONE DI IMMOBILE

Il Caso: una coppia si separa. Fra le varie questioni trattate processualmente ne emerge una inerente una richiesta di indennizzo. In particolare il marito chiede alla moglie la metà delle spese sostenute dopo la separazione per la ristrutturazione di uno stabile, acquistato al grezzo e successivamente sensibilmente aumentato di valore.
Dopo il giudizio presso il Tribunale e la Corte d'appello la causa perviene in Cassazione.

 

La sentenza: la Cassazione con la pronuncia n. 24160/ 2018 ha stabilito che non può presumersi, in via automatica, una "finalità di liberalità in favore del coniuge" a fronte dei "pagamenti fatti o alle spese sostenute per l'immobile in comproprietà anche dopo la separazione".
Di conseguenza, ecco la massima, "eventuali conferimenti e spese successivi alla separazione, non sussistendo la finalità di liberalità, dovranno essere considerati esclusivamente spese sostenute da uno dei comproprietari in favore del bene in comunione, e quindi il giudice di merito dovrà valutare se la moglie possa essere condannata a restituirne il 50% al marito facendo applicazione delle regole ordinarie applicabili in materia di comunione ordinaria"

Leggi tutte le news
PORTALE SOTTOPOSTO A MONITORAGGIO ANTI-PLAGIO.
È VIETATA OGNI RIPRODUZIONE, TOTALE O PARZIALE, ANCHE IN STRALCIO DEI CONTENUTI DI TUTTE LE SEZIONI.
OGNI ILLECITO SARÀ PERSEGUITO IN SEDE CIVILE E PENALE E POTRÀ ESSERE SEGNALATO ALLA POLIZIA POSTALE.
SI RAMMENTA LA RESPONSABILITÀ SIA DEL WEBMASTER CHE DOVESSE PRELEVARE INDEBITAMENTE I CONTENUTI DI QUESTO SITO CHE DEL TITOLARE DEL DOMINIO CHE DOVESSE OSPITARLI.