Avvocato Bologna

| Studio Legale Diritto Civile
Attenzione!
È possibile fissare appuntamenti di persona o in video-chiamata. Per concordare data e ora scrivete a info@avvocatobiagini.it o telefonate allo 051-832684
Avvocato Bologna | Avvocato Modena Avvocato Bologna | Avvocato Modena Studio legale Bologna Studio Legale Modena Avvocato separazione Avvocato divorzio Affidamento figli Coppie di fatto Testamento e successione Interdizione Sfratto Recupero crediti Adozione Infortunistica medica Infortunistica stradale Cittadinanza Studio Legale Bologna | Studio Legale Modena Processo civile Pareri legali online News
Avvocato Bologna | Studio Legale Bologna

AVVOCATO FRANCESCO BIAGINI

Patrocinante in Cassazione
Via Matteotti 17 - 40053 Loc. Bazzano, Comune Valsamoggia (BO)
Via Olindo Guerrini 2, angolo via A. Costa 91 - 40134 Bologna (BO)
Tel. (+39) 051 832684 • Fax (+39) 051 830650
SI RICEVE A BAZZANO E BOLOGNA
L'ufficio di Bazzano, per la sua ubicazione, è generalmente utilizzato dai Clienti della provincia di Bologna oltre che da quelli residenti a Modena e provincia.
Per fissare un appuntamento contattare i recapiti indicati o scrivere una mail a info@avvocatobiagini.it
Separarsi non è mai stato così facile. Quindi (non) fatelo
Qualora la complessità della pratica richiedesse l'intervento di più professionisti, si precisa che la Clientela potrà ricevere, oltre all'assistenza dell'Avv. Francesco Biagini, anche quella di professionisti esterni e di sua fiducia (Notaio, Commercialista, Avvocato Penalista, Medico Legale, Ingegnere Edile, etc) con cui vengono da anni intrattenute collaborazioni.
Studio Legale Diritto Civile
News
DIRITTO DI FAMIGLIA. MANTENIMENTO DEI FIGLI MAGGIORENNI

Se il figlio prosegue gli studi dopo la laurea breve non viene meno l'obbigo di mantenimento.

 

Il caso: Due coniugi divorziano e nella sentenza si dispone che il padre versi un assegno mensile di 850 euro per il mantenimento della figlia, non ancora indipendente economicamente.
In seguito il genitore ricorre al Tribunale per revocare o almeno ridurre l'assegno, dal momento che la figlia ha conseguito una laurea triennale e potrebbe quindi attivarsi per entrare nel mondo del lavoro e rendersi indipendente. La figlia decide invece di proseguire gli studi, per ottenere una laurea definitiva. Sia in primo grado che in appello il ricorso è respinto e la causa perviene all'esame della Cassazione.

 

La sentenza: la Suprema Corte (ordinanza n.10207/2017) rigetta il ricorso confermando le pronunce precedenti e dando quindi torto al genitore onerato (il padre, nella fattispecie). Con questa motivazione: " la cessazione dell'obbligo di mantenimento dei figli maggiorenni non autosufficienti deve essere fondata su un accertamento di fatto che abbia riguardo all'età, all'effettivo conseguimento di un livello di competenza professionale e tecnica, all'impegno rivolto verso la ricerca di un'occupazione lavorativa nonché, in particolare, alla complessiva condotta personale tenuta, da parte dell'avente diritto, dal momento del raggiungimento della maggiore età".
Nella fattispecie la Suprema Corte ha avvalorato la tesi della Corte di appello secondo cui la scelta di proseguire gli studi era meritevole di essere assecondata, in quanto finalizzata a un utile inserimento nel mondo lavorativo corrispondente alle inclinazioni personali della giovane figlia (ventiseienne) e si profilava in linea con le condizioni socio – economiche della sua famiglia.

 

APRILE 2017

 

N.B. il presente articolo ha uno scopo meramente informativo e orientativo. Non può essere inteso, nemmeno in senso lato, come parere professionale. Nel caso di problematiche occorre sempre rivolgersi al proprio legale di fiducia e far esaminare il caso concreto al fine di ottenere un parere personalizzato e completamente attendibile.

PORTALE SOTTOPOSTO A MONITORAGGIO ANTI-PLAGIO.
È VIETATA OGNI RIPRODUZIONE, TOTALE O PARZIALE, ANCHE IN STRALCIO DEI CONTENUTI DI TUTTE LE SEZIONI.
OGNI ILLECITO SARÀ PERSEGUITO IN SEDE CIVILE E PENALE E POTRÀ ESSERE SEGNALATO ALLA POLIZIA POSTALE.
SI RAMMENTA LA RESPONSABILITÀ SIA DEL WEBMASTER CHE DOVESSE PRELEVARE INDEBITAMENTE I CONTENUTI DI QUESTO SITO CHE DEL TITOLARE DEL DOMINIO CHE DOVESSE OSPITARLI.